namco

Tekken… Rivoluzione!

Bazzicando sul PlayStation Store mi imbatto in Tekken Revolution. Che cosa sarà? Sarà mica come quel applicazione per cellulare tipo Tekken Tetris?! Già il titolo è così rivoluzionario, che non averlo mai sentito nominare prima d’ora mi sconforta non poco! E allora indaghiamo…

11_overviewtekrev03Anzitutto parte un’installazione di almeno 1 ora, divisa in 5 incogniti passaggi. Sembra di essere a casa di Mr Gray, che è ancora indeciso se svelarti o meno che fotte forte. Ma pazientiamo, magari ci saranno Jin e Hwoarang in nuove inedite vesti… Dopo un’ora il gioco parte, ma abbisogna di un ulteriore aggiornamento di 650 MB! Non poteva scaricarlo tutto subito?!?

Pazientiamo… L’attesa si fa angosciante, come scoprire l’ultimo capitolo di Naruto. Dopo un tempo interminabile, equivalente circa al viaggio della New Horizons, il gioco è pronto a partire. Sullo schermo si palesano schermate squisitamente kitsch e sovradecorate come solo i giapponesi sanno fare (una tappezzeria tempestata di teste di Mokujin fa da sfondo), poi una caterva di messaggi che non leggo assolutamente e premo compulsivamente il tasto X nell’atroce speranza che non sia Tekken Tetris! Infatti non lo è, anche qui si combatte. Ci sono alcune modalità: Tekken Online, Tekken Aracde, Mokujin Party Qualcosa, Opzioni, Allenamento.

giphy

Quasi non ci credo. Un nuovo Tekken e per di più gratis!!!

A questo punto dall’apice della felicità, il mio entusiasmo comincia ad inabissarsi inesorabilmente, come l’economia greca. Per giocare sia on-line che l’arcade bisogna pagare delle monete, che si guadagnano ogni tanto all’ora (tipo 2 all’ora), per cui dopo un paio di combattimenti qualcuno alla Namco pensa che noialtri staremo lì in dolce attesa di nuove monete (o che, ancora meglio, pagheremo soldi veri in cambio delle loro dracme inutili!). I personaggi sono praticamente quelli di Tekken Tag Tournament 2, così come anche i livelli, tolte alcune piccole modifiche alla grafica, che hanno reso tutto estremamente più saturo e cartonesco.

nina-tekken-tag-2-tekken-revolution

 

In generale si potrebbe sospettare che nella pausa tra TTT2 e Tekken 7 tutti quanti si siano abbuffati come scrofe e siano leggermente ingrassati. Mentre quasi tutti i combattimenti ora si svolgono al tramonto (in particolare il livello della liceo Mishima, sembra spostato nel futuro alla morte del nostro Sole, quando sarà tutto molto arancione). Perché? I personaggi disponibili naturalmente sono pochissimi e per guadagnarne di nuovi bisogna combattere nell’Arcade od Online, ottenendo Punti Premio (10, 30, 50 o 100 per volta) coi quali ogni 30.000 punti appare un nuovo personaggio. Ovviamente i primi ad apparire sono gli ultimi che ci interessano.

Secondo questa logica, e contando che si può combattere un numero limitato di volte all’ora, per sbloccare un personaggio bisognerebbe combattere almeno 1000 battaglie, che in termini di giorni lavorativi (se voleste fare di questo una professione 8 ore al giorno) vorrebbe dire battagliare per 3 mesi (prendendosi i weekend di riposo). Per sbloccare tutti i personaggi ci vorrebbero probabilmente degli anni, quindi l’intero impegno diventa fatidicamente inutile.

Inoltre è stato creato un simpatico sistema GDR, per cui il personaggio avanza di livello combattendo (on-line si avanza anche di grado, come consuetudine di Tekken, ma con un approccio da Virtua Fighter, per cui che si vinca o si perda si diventa comunque maestri), guadagnando vita, forza e qualcosa tipo fortuna, quella che a Risiko permette al computer di barare con fortuna al 102%.

Ah sì, dimenticavo la festa Mokujin alla quale si può accedere solo alcune volte, quando alla Namco decidono che è il momento…

Inutile dire che il tutto diventa molto più bello e rapido se decidete di spendere una barcata di soldi (4,99€ per personaggio) in questo nuovo ed assolutamente inutile gioco free-to-play.

A coronare questo totale insuccesso arriva anche il game play, ridotto ai minimi termini, con sistemi di difesa dei personaggi da lotta-di-cuscini e botte-stratosferiche stile Street Fighter che non è difficile immaginare per chi siano state aggiunte (la possibile lunghezza delle combo, ricordiamoci che le meccaniche sono identiche a TTT2, è stata ridotta!). A conferma di questo tragico verdetto è il parco degli utenti on-line, per lo più popolato da persone che non hanno manco un solo Tekken tra i propri giochi, mentre sono appassionati di PES e FIFA.

In sintesi ce n’era bisogno? Serve a qualcuno? Chiunque abbia mai giocato a Tekken lo troverà noioso, quando non proprio fastidioso, specialmente quando si capisce che per vincere basta ripetere turbo-ossessivamente una singola mossa, misteriosamente diventata imparabile (in modalità “molto difficile” True Ogre alla fine si becca spesso e volentieri qualche Perfect). Se la Namco voleva avvicinare qualcuno al genere (i giocatori di PES e FIFA?) questa credo che sia stata una mossa tanto stupida quanto perniciosa, visto che allontana gli appassionati e non offre nulla di concreto che anche solo vagamente ricordi la serie di Tekken.

Dulcis in fundo, per non lasciare dubbi che si tratti solo di una volgare operazione raccatta-soldi, ecco per voi l’unica novità del gioco: Eliza, una vampiressa a cui si gonfiano le poppe se beve sangue.

Tekken_Revolution_eliza_2

 

Annunci